PREVENZIONE CORRUZIONE  E TRASPARENZA AMMINISTRATIVA

Accesso generalizzato: pubblicata circolare Dip Funz pubblica

 

CIRCOLARE 30 maggio 2017, n. 2 della Presidenza del Consiglio dei Ministri, Dipartimento della Funzione Pubblica "Attuazione delle norme sull'accesso civico generalizzato (c.d. FOIA)".

Dato il fatto che la nuova disciplina prevede un accesso civico «generalizzato» e attribuisce a «chiunque»  il «diritto di accedere ai dati e ai documenti detenuti dalle  pubbliche amministrazioni, ulteriori rispetto a quelli oggetto di pubblicazione (...), nel rispetto dei limiti  relativi  alla  tutela  di  interessi giuridicamente rilevanti», il tema più critico era la necessità di maggiori chiarimenti su questi ultimi “limiti” e le esclusioni.

Con delibera n. 1309 del 28 dicembre  2016,  l'Autorita'  nazionale anticorruzione (A.N.AC.) aveva adottato le  «Linee   guida   recanti indicazioni operative ai fini della definizione  delle  esclusioni  e dei limiti all'accesso civico».

Ora il  Dipartimento della  funzione  pubblica,  in  raccordo  con  l' ANAC, ha adottato questa circolare con raccomandazioni operative che riguardano:

·         modalità di presentazione della richiesta;

·         uffici competenti;

·         tempi di decisione;

·         contro-interessati;

·         rifiuti non consentiti;

·         dialogo con i richiedenti;

·         registro degli accessi.

La circolare propone anche una terminologia comune:

·         accesso ex 241: “accesso documentale” o “procedimentale”

·         accesso ex 33: “accesso civico” o “accesso civico semplice”

·         accesso ex 97: “accesso generalizzato” o “accesso civico generalizzato”

 

 

http://www.funzionepubblica.gov.it/sites/funzionepubblica.gov.it/files/CIR_FOIA_REVe.pdf


18 lug 2017 Olivia Mertens di Reporters Without Borders mi scrive

 

This is not an easy time for journalists all over the world, with the discoveries of surveillance on citizens, which includes journalists and their sources.

 

I’d like to ask you to share a guide, written by one journalist to his colleagues all over the world. The guide can help them protect their work and fulfill their mission.

https://www.vpnmentor.com/blog/online-privacy-journalists/


IL CORRUPTION PERCEPTION INDEX aggiornato al 2016


6 apr. 17 - RELAZIONE DI MARIO GATTIGLIA SUL FOIA

ALL'EVENTO AMB dedicato a

-finanziamenti europei

-bilanci pubblici

-FOIA

-nuovo Codice appalti

 

Download
Gattiglia Acta 170406 FOIA.pdf
Documento Adobe Acrobat 174.6 KB

8 gen. 17 - L'AMIGDALA FRENA LA DISONESTA'

un articolo di Arnaldo Benini

Download
L’amigdala frena la disonestà.pdf
Documento Adobe Acrobat 48.5 KB

2 dic. 16 - ITALIA: poca libertà di stampa

L’Italia è il peggior paese europeo ed uno dei peggiori del mondo nella classifica della libertà di stampa. Vedremo se il FOIA approvato a maggio 2016 ci aiuterà a migliorare. 

Qui il link alla ricerca di Reporters Sans Frontieres.

 

Qui sotto l’articolo de La Stampa di oggi.

Download
ITA poca libertà di stampa.pdf
Documento Adobe Acrobat 1.3 MB

7 sett. 16 - ANALFABETISMO E BUFALE

Una delle idee portanti dell’anticorruzione è che tramite la trasparenza si possa fare prevenzione. Da qui la necessità di informare i cittadini. Ma anche questi devono impegnarsi. Non fanno ben sperare i dati sull’analfabetismo funzionale in Italia, collegati alla propensione ad abboccare alle “bufale”. Due articoli, uno mio scaricabile qui sotto e uno di Doppiozero a questo link.

 

Download
Sull’orlo dell’irrazionale - MGattiglia.
Documento Adobe Acrobat 52.1 KB

NEWS- 4 agosto 2016- Pubblicato il PIANO NAZIONALE ANTICORRUZIONE 2016

In Gazzetta Ufficiale

Sul sito ANAC


NEWS- maggio giugno 2016- FOIA

Il nuovo Decreto legislativo sulla trasparenza, che porta il numero 97 del 2016 ed è stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale l’8 giugno, dà un grande impulso alla trasparenza dei dati pubblici, sul modello molto anglosassone del Freedom Of Information Act.

 

E' rilevante ai fini della prevenzione corruzione perché conferma definitivamente la scelta che avevamo già fatto: quella di fare confluire il Programma della trasparenza nel Piano prevenzione corruzione. La trasparenza è considerata in tutto il mondo uno degli strumenti più importanti di prevenzione della corruzione.

Dlgs 97/2016 in Gazzetta Ufficiale.

 

Download
Nuova disciplina dell'accesso civico - M Gattiglia
Nuova disciplina dell'accesso civico - M
Documento Adobe Acrobat 71.8 KB
Download
Sintesi del DLgs 97 2016 di MF Mattei
Sintesi del DLgs 97 2016 di MF Mattei.pd
Documento Adobe Acrobat 45.5 KB

OPEN DATA E TRASPARENZA AMMINISTRATIVA sono due cose diverse ma collegate. L’ideale e la strategia di dato aperto hanno diverse applicazioni (ad esempio, l'open source, l'open access e l'open content) e stanno crescendo sempre di più. Applicata al settore della pubblica amministrazione, questa visione si chiama prevalentemente in inglese open government ed in italiano trasparenza amministrativa. 

Wired di ottobre 2014 cita i risultati di una ricerca Mc Kinsey (Open data: Unlocking innovation and performance with liquid information) ed afferma che con gli open data potrebbe nascere e crescere un business da 3.200 miliardi di dollari all'anno. Settori in cui l'utilizzo dei dati aperti potrebbe essere decisivo sono quelli dell'educazione, dei trasporti, dell'elettricità, del gas, del petrolio, della sanità e della finanza.

Download
Letture di approfondimento su Big e open
Documento Adobe Acrobat 178.4 KB
Download
Open Data Handbook.pdf
Documento Adobe Acrobat 186.4 KB

NEWS-  12 maggio 2016 - ITALIA MODELLO DA SEGUIRE PER DAVID CAMERON

Tanta fatica a volte premia. Dopo gli scandali di corruzione internazionale che hanno coinvolto molti paesi europei (ultimi i cosiddetti Panama papers), il premier inglese David Cameron ha fatto una dichiarazione importante al summit anticorruzione tenuto oggi a Londra. Alla presenza di circa 40 Paesi, della Banca Mondiale e del Fondo Monetario Internazionale, circa 300 economisti di 30 paesi, il primo ministro britannico ha indicato l'Italia come un modello per la sua legislazione anticorruzione, in particolare per quanto riguarda la confisca e la gestione dei beni confiscati.

La visione di base di questo summit è fortemente economica: la corruzione e l’evasione fiscale distruggono una ricchezza enorme a livello mondiale (e a farne le spese sono maggiormente i paesi poveri e più corrotti). L’obiettivo è quello di combattere fino alla scomparsa i cosiddetti “paradisi fiscali” ed adottare strumenti di coordinamento nella lotta alla corruzione e al riciclaggio.

 

La sfida non è solo quella dell’evasione, ma anche quella dell’elusione fiscale tramite la triangolazione internazionale che molte multinazionali mettono in campo da anni sfruttando le differenze dei regimi fiscali delle diverse nazioni, arrivando a pagare percentuali di tassazione talvolta ridicole. Anche questo è distruzione di risorse, poiché queste multinazionali sono le stesse che stanno sostituendo lavoro con tecnologia, generando disoccupazione a livello mondiale. Far pagare loro le giuste tasse, evitando questo gioco di furbizia fiscale, permetterebbe di creare più ricchezza per sostenere i sistemi di welfare, unici in grado di assorbire l’urto della diminuzione dell’occupazione.


NEWS - 28 Ottobre 2015

L'ANAC ha approvato l'aggiornamento al Piano Nazionale Anticorruzione. Qui è scaricabile una sintesi.


COME DIFENDERSI DAI COOKIE - 19 gennaio 2015

On line il nuovo video divulgativo del Garante privacy sul sito dell'Autorità (www.garanteprivacy.it), e sul canale YouTube (https://www.youtube.com/user/videogaranteprivacy), che già contengono altri filmati utili.


NEGLI USA. Dopo che gli specialisti lo affermavano da alcuni anni, il primo stato a capire l'importanza di open data per lo sviluppo economico sono stati, come accade spesso, gli USA nel 2009 , con la direttiva di Obama che ha obbligato tutte le agenzie federali a mettere on-line i dati in loro possesso . La vera scommessa, tuttavia, è fare in modo che tali dati siano analizzabili da software esterni , senza limitazioni e con interoperabilità.


IN ITALIA. Il collegamento tra trasparenza amministrativa e open data è molto ricco di opportunità, ma rischia di generare aspettative che, se troppo elevate, andranno deluse. È molto importante che tutte le Pubbliche amministrazioni mettano a disposizione i propri dati. Ma la trasparenza amministrativa , come è stata fatta fino ad ora, consiste sostanzialmente nel produrre informazione basata su file poco o per nulla lavorabili. Questo non è open data. Ciò non toglie il fatto che sia comunque utile per altri scopi, più politici, direi, intendendo il termine «politico» in senso non partitico ma semmai di gestione e controllo (da parte del cittadino) della Polis. L'applicazione di questo aspetto più sentita in questo momento è probabilmente la prevenzione della corruzione.


4 gennaio 2015 - REATI ANOMALI

Ciò di cui ci stiamo occupando riguarda reati che la criminologia ha per moltissimi anni considerato anomali e di difficile incasellamento.

In primo luogo, perché la tradizione del diritto e della criminologia ha quasi sempre collegato il reato a situazioni di povertà, economica o culturale.

Qui invece siamo di fronte a casi che possono spesso essere definiti come "criminalità dei potenti". Reati commessi da persone che posseggono risorse di denaro e di potere superiori a quelle delle loro vittime, non solo nel momento in cui commettono il delitto, ma in generale nella vita "normale", in conseguenza della loro collocazione nelle strutture sociali ed organizzative - lavorative.

Tra l'altro, questo potere alimenta la capacità e la propensione alla criminalità, poiché offre qualche sensazione di impunità: il potere consente spesso una certa capacità di controllare gli effetti e la visibilità del crimine commesso, una maggiore libertà di nascondere o manipolare la percezione della natura criminale delle proprie condotte.

Altra conseguenza non indifferente della presenza di questo potere è il fatto che esso si esercita spesso in una situazione di elevata distanza tra vittima e carnefice: sovente questi delitti non comportano un'interazione diretta con le vittime, poiché sono violazioni legislative nel campo del lavoro o dell'impresa o dell'ambiente o della sicurezza. Questo, ben lungi dal rendere invisibili le responsabilità etiche, permette tuttavia -in individui che io ritengo debbano essere in parte predisposti- una qualche forma di facilitazione nella commissione dell'atto criminale, poiché esso non implica un'azione diretta sul corpo o sulla vita della vittima, come nel caso di una rapina o di un omicidio.

Potremmo dire che la responsabilità etica non è invisibile, ma diventa per alcuni opaca.

Un altro aspetto che rende particolari questi crimini è il fatto che essi sono "reati occupazionali" [1],  spesso commessi all'interno di organizzazioni legittime. Non, come accade più generalmente per la criminalità comune o per quella organizzata, legati all'essere affiliati ad organizzazioni fuorilegge, come le mafie.

Sutherland ha studiato a lungo questi crimini dei "colletti bianchi", trovandone una frequenza altissima nelle grandi imprese economiche, che è arrivato a descrivere come veri e propri "giganteschi criminali recidivi"[2].

Quando un'organizzazione diventa molto grande, inevitabilmente aumenta la sua complessità, si allungano le catene di comando e di controllo, si moltiplicano e diversificano territori in cui operano le persone ( tipico il caso delle multinazionali).

In queste grandissime organizzazioni, ciò che rimane a guidare la vita ed il comportamento degli individui è la forte pressione al raggiungimento degli obiettivi, in un clima di elevato agonismo, di pressione costante a prestazioni elevate, di timore di perdita del posto e del rango. Il tutto determina quello che  Vaughan definisce "panico da status" [3], che può creare una pressione a commettere reati diversa da quella generata dalla semplice ingordigia. In questo senso, commettere reati "non è l'esito di scelta e calcolo, ma una manifestazione della cultura organizzativa che tende a normalizzare la devianza". L'esistenza di questo meccanismo sembrerebbe dimostrata anche dal fatto che, come dimostrano i verbali di quasi tutti i processi in materia, tra colleghi all'interno della stessa area organizzativa la condotta criminale non viene percepita come tale e quindi spesso non viene tenuta segreta.

Questo è un punto importante anche rispetto ai ragionamenti che si possono fare sulle sentinelle civiche, sui whistleblower.

Inoltre, in queste situazioni organizzative "chi ne fa parte si ritrova in un ambiente opaco nel quale i fini da perseguire e le modalità per perseguirli si fanno vaghi e negoziabili" [4]. Anche questo secondo aspetto, dunque, determina una opacizzazione della responsabilità e dell'etica.

E causa una difficoltà a ricondurre con chiarezza questi comportamenti nell'alveo della definizione di criminalità, per la quale occorrerebbero intenzionalità, mens rea, danno giuridicamente definibile, presenza di una norma violata e possibilità di una sanzione.

Infatti, la terza caratteristica che rende questo argomento di difficile trattazione è il fatto che questi crimini, molto più di altri, si collocano quasi sempre in un'area ambigua  su un continuum legale-illegale.

Questa ambiguità opera in entrambi i sensi: da una parte può facilitare una sorta di "autogiustificazione" da parte di chi commette reati; ma può anche causare una tendenza “forcaiola”, come sta accadendo di questi tempi in un’opinione pubblica esasperata.


[1] R. Quinney, The Problem Of Crime, New York Dodd Mead, 1970

[2] E. Sutherland, White Collar Crime: The Uncut Version, Yale Univ. Press, 1983

[3] D. Vaughan, Controlling Unlawful Organizational Behavior, Univ. of Chicago Press, 1983

[4] V. Ruggiero, Perché i potenti delinquono, Feltrinelli, 2015


Download
Sintesi Aggiornamento PNA.pdf
Documento Adobe Acrobat 45.6 KB

Il testo completo è sul sito dell'ANAC


BUONE PRASSI - FORMAZIONE E ETICA - 2015

Dopo le prime esperienze, prevalentemente di adempimento, ma in molti casi adeguate ed efficienti, abbiamo iniziato a realizzare formazione in una direzione decisamente innovativa, volta a garantire gli Enti in merito alla reale efficacia nella prevenzione e nel trattamento del rischio di corruzione.

L'approccio si basa su due filoni: l’etica e le neuroscienze. La parte di cui mi occupo io è la prima e lavora sugli aspetti:

- valoriali (“potersi guardare allo specchio la mattina”),

- di dignità (occorre invertire la tendenza e recuperare l’orgoglio di appartenere alla pubblica amministrazione, ovvero ad un’organizzazione che garantisce la qualità della vita dei cittadini)

- di motivazione (non basta “saper fare”, occorre “voler fare”)

che possono determinare realmente comportamenti corretti e prevenzione.

Siamo già partiti due anni fa, ma oggi (28 ottobre 2015), con nostro grande piacere, l’Autorità nazionale anticorruzione conforta il nostro lavoro citando nell’aggiornamento del PNA i valori e l’etica come una delle basi importanti su cui poggiare per passare da una logica di solo adempimento a quella di reale e concreta prevenzione del fenomeno corruttivo.

Download
Sintesi L’ETICA NELLE ORG DI LAVORO.pdf
Documento Adobe Acrobat 97.5 KB
Download
L’ETICA ALCUNE DEFINIZIONI.pdf
Documento Adobe Acrobat 53.9 KB
Download
Lettura - Etica grande peccato.pdf
Documento Adobe Acrobat 38.5 KB
Download
Lettura- Il male come non-pensiero.pdf
Documento Adobe Acrobat 148.0 KB
Download
L’esperimento del treno e nueroscienze.p
Documento Adobe Acrobat 433.0 KB
Download
BIBLIOGRAFIA AMICHEVOLE SULL ETICA NELLE
Documento Adobe Acrobat 50.3 KB
Download
Il tema dell’errore - Copia.pdf
Documento Adobe Acrobat 37.2 KB

I VALORI DEGLI ITALIANI - ottobre 2015

Il responsabile di un Presidio di Libera, la nostra principale ONG che lavora per il contrasto alle mafie, mi racconta che al processo Minotauro contro la ‘ndrangheta nel Canavese un testimone si difende così: “Ma quella non era la mafia… Era solo corruzione!”.

Il punto è questo: quanto possiamo procedere a ritroso in questo modo?

Non era mafia, era solo corruzione... Non era corruzione, era solo evasione fiscale.... Non stavo evadendo, solo non pagavo il canone Rai... E così via discendendo, possiamo arrivare fino a non pagare il biglietto, tagliare la coda, parcheggiate in doppia fila…

Non voglio mettere l’ultimo anello di questa catena discendente sullo stesso piano del primo: è discendente, appunto. Ma mi pare evidente che si tratta della stessa catena.

Per questo ci occupiamo di etica parlando di anticorruzione. E libera lo fa parlando di antimafia.

Dovremmo farlo tutti parlando in generale dei valori degli italiani. Dovremmo avere il coraggio di tornare ad essere un po’ moralisti.


BUONE PRASSI - PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE E CONTRASTO ALLE MAFIE - novembre 2015

Dalla sua analisi condotta su un campione di 1911 Pubbliche Amministrazioni, sommata ai dati derivati dagli incontri con i Responsabili per la prevenzione della corruzione e dai quesiti ad essa rivolti, l’Autorità nazionale anticorruzione (ANAC) ha individuato molte aree di criticità e migliorabilità. Tra queste, il fatto che molto raramente le analisi di rischio sono collegate ad analisi del contesto esterno all’Amministrazione. Da questo punto di vista, quello che abbiamo deciso di fare con il Comune di Chivasso (TO) costituisce senz’altro una buona prassi. Un gruppo di esperti di performance della pubblica amministrazione (tra cui il sottoscritto) ed il coordinatore del Presidio chivassese di Libera sta incontrando tutti i dipendenti per parlare sia di prevenzione della corruzione, sia di contrasto alle mafie ed alla criminalità organizzata. La stessa ANAC dice nel suo documento di aggiornamento al Piano nazionale anticorruzione del 28 ottobre 2015: «Comprendere le dinamiche territoriali di riferimento e le principali influenze e pressioni a cui una struttura è sottoposta consente di indirizzare con maggiore efficacia e precisione la strategia di gestione del rischio. Si consideri, ad esempio, un’amministrazione collocata in un territorio caratterizzato dalla presenza di criminalità organizzata e da infiltrazioni di stampo mafioso.» Purtroppo, molte parti di Torino e provincia rispondono a questo profilo. 

Download
Relazione 2013 Ministro Alfano al Parlam
Documento Adobe Acrobat 1.2 MB
Download
Relazione Comm Antimafia 2008.pdf
Documento Adobe Acrobat 2.9 MB

ALTRE BUONE PRASSI - 2015

Download
Best Practices.pdf
Documento Adobe Acrobat 69.0 KB
Download
Eu Anti-Corruption Report.pdf
Documento Adobe Acrobat 623.0 KB
Download
Making Anti Corruption Agencies More Eff
Documento Adobe Acrobat 196.2 KB

UNA VISIONE D'INSIEME - gennaio 2015

I dati più recenti possono essere tratti dal report di Trasparency sulla percezione della corruzione nel mondo, presentati il 3 dicembre 2014. La situazione italiana è drammatica.

 Il Rapporto «Scenari economici - Il rebus della ripresa» del Centro studi Confindustria presentato il 17 dicembre 2014 descrive uno scenario di lenta uscita dell’Italia dalla crisi economica, ma specialmente afferma che la corruzione, «è il vero freno per il progresso economico e civile» italiano. Se riuscissimo a ridurre la corruzione al livello della Spagna, avremmo un + 0,6 % di PIL; ancora di più se riuscissimo a combatterla come ha fatto la Francia.

 

Come sappiamo, l’Italia sta cercando di adeguarsi dal punto di vista normativo ed organizzativo-istituzionale: nel 2012 è stata promulgata una legge specifica per prevenire la corruzione nella pubblica amministrazione (la 190) e successivamente un’Authorithy è stata interamente dedicata a questo problema (ANAC).

Le fonti di riferimento per la Pubblica amministrazione sono sia il Diritto penale (principalmente i Capi I e II del Titolo II del Libro Secondo del Codice Penale), sia quello amministrativo. Buona parte della normativa in esame ha subito modificazioni ed integrazioni ad opera della consistente riforma dei reati contro la Pubblica Amministrazione, operata con la legge 26 aprile 1990, n. 86.

E il Servizio Anticorruzione e Trasparenza (SAeT), quando nel 2009 presenta il suo Primo Rapporto al Parlamento, definisce un ulteriore restringimento del perimetro, dichiarando come oggetto dalla propria attenzione “il danno rivolto anzitutto all’integrità del patrimonio della P.A., dei suoi beni o dei suoi mezzi aventi valore economico, a prescindere dalla circostanza che la commissione di questi reati determini costi sociali che si propagano ben al di là della sola dimensione economica.”

 

PERCHÉ È IMPORTANTE?

La risposta dovrebbe essere chiara a tutti, prevenire ed evitare la corruzione è connaturato al ruolo di cittadino e di funzionario pubblico.

Ma, in aggiunta, giova ricordare che:

-esiste una nuova legge (L. 190 del 2012)   che impone una serie di obblighi e una serie di sanzioni;

-prevenire e combattere la corruzione significa difendere la democrazia del nostro paese (il report di Trasparency riguarda la corruzione percepita, ovvero la sensazione che la popolazione ha di quanto sia corrotto il proprio paese; è evidente che c’è un’emergenza nell’emergenza: gli italiani sono stufi, non ce la fanno più)

-prevenire e combattere la corruzione significa difendere e sviluppare il suo benessere economico, ad esempio garantendo la libera concorrenza e tornando ad attrarre gli investimenti esteri, che in questi anni sono declinati nettamente.

 

ALCUNI DATI

Abbiamo detto che qui non si tratta solo di adempiere a una nuova legge: prevenire e combattere la corruzione significa difendere la democrazia del nostro paese e il suo benessere economico, sia a livello nazionale, sia al nostro livello locale. Crediamo di non aver bisogno di convincere nessuno sull’importanza di tale azione. Ma qualche dato potrà chiarire meglio la situazione.

Come si sa, un fenomeno sociale può essere misurato con dati oggettivi e con dati soggettivi (la percezione che di esso hanno gli attori in gioco).

 I dati oggettivi sono difficilmente calcolabili, vengono avanzate delle stime.

Nel 2004 la Banca Mondiale ha pubblicato un rapporto in cui teorizzava che la corruzione nel mondo fosse stimabile in mille miliardi di dollari. Considerato il PIL globale dell’epoca, la corruzione corrispondeva quindi ad oltre il 3% del prodotto mondiale.

La Relazione della UE sulla lotta alla corruzione del 3 feb 2014 stima un danno di circa 120 miliardi di euro all'anno per l’economia europea . Ma il dato drammatico è che un’ampia vulgata giornalistica ha diffuso l’idea che metà circa di questo danno stia in Italia. Questo dato non è stato avallato dalla Corte dei Conti  , ma il punto è proprio questo: in Italia il danno è sicuramente alto e la stessa mancanza di dati precisi è in sé un segnale negativo.

Nel 2009 il Servizio Anticorruzione e Trasparenza (SAeT) tra le altre cose segnalava proprio il fatto che un elemento che non si misura non si gestisce, non si combatte, non si contrasta.

Il danno economico non è solo diretto (minore concorrenza, aumento dei costi, minore competitività, mancato gettito fiscale) ma anche indiretto (minore fiducia degli operatori, minore attrattività degli investimenti, ecc.). La Relazione della UE illustra la situazione nei vari Stati membri: quali sono le misure anticorruzione esistenti, quali di queste sono efficaci, cosa si potrebbe migliorare e in che modo .

Il 3 nov 2013 Price&Waterhouse è uscita con una ricerca per l’OLAF, l’Agenzia antifrode europea, in cui si afferma che le possibilità che in Italia un appalto pubblico sia viziato dalla corruzione arrivano al 10% delle gare, oltre tre volte il dato francese e più di dieci volte quello dell’Olanda.

I nostri dati sono simili (ma peggiori) a quelli di paesi entrati da poco nell’Europa comunitaria, come Ungheria e Romania. Posto a cento il livello della perfezione, noi ci fermiamo a 57 e i romeni a 55. Francia e Olanda sono rispettivamente a 91 e a 97.

Per quanto riguarda i dati percettivi, ovvero quelli che nascono dall’interrogare i cittadini, gli opinion leaders a altri attori coinvolti, un sondaggio Eurobarometro del 3 feb 2014 afferma che:

-per il 76% degli europei (e per il 97% degli italiani) la corruzione è un fenomeno dilagante nel proprio paese

-per più della metà degli europei (56%) il livello di corruzione nel proprio paese è aumentato negli ultimi tre anni

-quasi 2 cittadini europei su 3 e l’88% dei cittadini italiani ritiene che la corruzione e le raccomandazioni siano spesso il modo più facile per accedere a una serie di servizi pubblici

-un europeo su dodici (8%) afferma di essere stato oggetto o testimone di casi di corruzione nel corso dell'anno precedente.

Ma il dato più impressionante è probabilmente questa mappa del CORRUPTION PERCEPTION INDEX

I colori indicano il giudizio dei cittadini sulla corruzione nel settore pubblico. Più i colori sono vicini al rosso scuro, maggiore è la corruzione percepita. Più i colori sono vicini al giallo chiaro, minore è la corruzione percepita. L'Italia è messa piuttosto male!

 

COSA INTENDIAMO PER CORRUZIONE?

La legge 190/2012 non contiene una definizione di “corruzione”.

Il Dipartimento della Funzione pubblica (circolare n. 1 del 25 gennaio 2013) ha, tuttavia, precisato che:

“il concetto di corruzione deve essere inteso in senso lato, come comprensivo delle varie situazioni in cui, nel corso dell’attività amministrativa, si riscontri l’abuso da parte di un soggetto del potere a lui affidato al fine di ottenere vantaggi privati. Le situazioni rilevanti sono quindi evidentemente più ampie della fattispecie penalistica (…)”.

 

DI QUALI REATI STIAMO PARLANDO?

I reati che può commettere il pubblico ufficiale o comunque il dipendente di una pubblica amministrazione sono:

Peculato, articolato in

-peculato in senso stretto (art. 314 c.p.)

-peculato d’uso (art. 314, co. ii, c.p.)

-peculato mediante profitto dell’errore altrui (art. 316 c.p.)

Concussione, articolata in

-concussione in senso stretto (art. 317 c.p.)

-induzione indebita a dare o promettere utilità (art. 319-quater c.p.)

Corruzione, articolata in una pluralità di figure:

-corruzione per l'esercizio della funzione (art. 318 c.p.);

-corruzione per un atto contrario ai doveri d’ufficio (art. 319 c.p.).

-corruzione in atti giudiziari (art. 319-ter c.p.)

-corruzione di persona incaricata di un pubblico servizio (art. 320 c.p.)

-istigazione alla corruzione (art. 322 c.p.), per punire pubblici ufficiali o privati che abbiano sollecitato altri a commettere il reato di corruzione, nell’ipotesi in cui la corruzione non sia poi venuta in essere)

estesi anche a livello di Unione europea

Abuso d’ufficio

Traffico di influenze illecite.

 

OCCORRE ESSERE IN DUE!

Quelli sopraelencati sono i reati derivanti dalla condotta del pubblico ufficiale. Ma vi sono poi i reati commessi dal privato. È ovvio che nella maggior parte dei casi, perché ci sia corruzione occorre essere in due!

-Malversazione a danno dello Stato (art. 316-bis c.p.)

-Turbata libertà degli incanti (art. 353 c.p.)

-Astensione dagli incanti (art. 354 c.p.)

-Inadempimento di contratti di pubbliche forniture (art. 355 c.p.),

-Frode nelle pubbliche forniture (art. 356 c.p.).

-Truffa aggravata ai danni dello Stato (art. 640, co. 2, n. 1, c.p.)

-Truffa aggravata per il conseguimento di erogazioni pubbliche art. (640-bis), introdotto dall’articolo 22 della legge 19 marzo 1990 n. 55

-Indebita percezione di erogazione a danno dello Stato (art. 316-ter c.p.), introdotto con legge 29 settembre 2000, n. 300.


UNA BUONA NOTIZIA - 23 dicembre 2014

Ogni tanto bisognerebbe dare anche le notizie buone, specialmente sotto Natale:

Nella classifica 2014 dell’ indice ONU che misura il livello di sviluppo di e-government dei paesi del mondo, l'Italia si colloca in 23-esima posizione, sopra le media europea e dei paesi ad alto reddito, ed ha migliorato di 9 posizioni rispetto al 2012. 

Il merito di questi risultati va sicuramente a tutti quei dipendenti pubblici e a quelle amministrazioni che stanno, con fatica e con attenzione, attuando le politiche della trasparenza e della performance. Dopo cinque anni circa dal loro inizio, i risultati si vedono. Se riusciremo a fare la stessa cosa con l’anticorruzione, decisamente daremo un grande contributo alla ripartenza dell’Italia.

Colgo pertanto l’occasione per ringraziarli tutti di cuore e per augurare buone feste.


LA CORRUZIONE SI COMBATTE SU PIU' FRONTI -8 dicembre 2014

Con un solo giorno di distanza l’uno dall’altro, sono usciti in sequenza il report di Trasparency sulla percezione della corruzione nel mondo e, subito dopo, le notizie sulla vasta rete di connivenze criminali tra politica, criminalità e organizzazioni mafiose a Roma.

È evidente che, ad esempio, per attrarre investimenti esteri, qualsiasi  job act evitare è assai meno importante che riuscire ad evitare fenomeni come questo. Ed è altrettanto evidente che quello della corruzione in Italia non è solo un problema, è una vera emergenza. Inoltre, come abbiamo visto in questi anni, la corruzione caratterizza tutte le regioni, nessuna esclusa.

Come sappiamo, l’Italia sta cercando di adeguarsi dal punto di vista normativo ed organizzativo-istituzionale: nel 2012 è stata promulgata una legge specifica per prevenire la corruzione nella pubblica amministrazione (la 190) e successivamente un’Authorithy è stata interamente dedicata a questo problema (ANAC).

Ma occorre osservare alcune cose. 

In modo piuttosto sconcertante, la legge 190 riguarda solo i funzionari e tiene fuori dal proprio perimetro la politica, che si sta dimostrando sempre più il vero problema del paese.

Poi, il report di Trasparency riguarda la corruzione percepita, ovvero la sensazione che la popolazione ha di quanto sia corrotto il proprio paese. Quindi, è evidente che c’è un’emergenza nell’emergenza: gli italiani sono stufi, non ce la fanno più.

In terzo luogo, anche l’osservatore più incline ad attribuire importanza alle leggi (e per conseguenza alle sanzioni) dovrà convenire che occorre lavorare anche sul piano dell’etica e della cultura, specialmente per quanto riguarda la prevenzione. Una delle cose che colpiscono di più nella mappa di Trasparency  è quello che hanno in comune tutti i paesi con minore percezione della corruzione: la cultura anglosassone protestante. E, forse si potrebbe aggiungere, almeno in molti casi, un sistema giurisdizionale basato sul common law. 

Quando si parla di etica e cultura, si possono fare molti esempi. Mi limiterò solo ad alcuni, per ragioni di spazio. 

Sto lavorando come Organismo indipendente di valutazione con un Comune medio grande della provincia di Torino che, durante la passata amministrazione, ha dovuto fare i conti con l’infiltrazione mafiosa e lo scioglimento del consiglio comunale. L’azione che questo ente sta attualmente perseguendo per prevenire la corruzione non è solo l’attuazione della legge 190 (che lavora prevalentemente all’interno dell’amministrazione):  sta anche provando a lavorare con i cittadini, nelle scuole, nelle associazioni culturali, direi nelle piazze. Gli amministratori ed i funzionari pubblici si devono confrontare con i cittadini, tutti quanti insieme si devono misurare con un dato di fatto: la corruzione è endemica, molto diffusa, richiede grande vigilanza.

Un secondo esempio: in un articolo del Sole 24 Ore di domenica 7 dicembre 2014, Gilberto Corbellini riporta queste affermazioni: « In occasione della pubblicazione del Manifesto per la Cultura avevo riportato su queste pagine che uno studio condotto da Niklas Potrafke su 125 Paesi (Intelligence and Corruption, Economics Letters 2013; 114: 109-112) aveva rilevato che dove ci sono livelli di prestazioni intellettuali più alti, la corruzione è più bassa. Il rapporto tra livello di intelligenza nazionale, intesa come misura del "capitale cognitivo", e un più efficace controllo sulla corruzione, oltre che sull'efficienza del governo e dello stato di diritto, è confermato da un recentissimo studio dell'economista sudafricano Isaac Kalonda Kanyama, che nel discutere i dati sottolinea come questo non significhi che ci sono Paesi abitati da persone più intelligenti, che realizzano istituzioni più efficienti, e Paesi abitati da stupidi, che mettono a punto istituzioni più povere. Il concetto che emerge da questo e altri studi sul ruolo del capitale cognitivo nella progettazione e nel governo dei sistemi liberali e capitalisti, è che il livello di comprensione cognitiva delle regole e dei principi, che fanno funzionare le istituzioni liberaldemocratiche, e la stretta cooperazione tra il capitale cognitivo e le istituzioni nazionali, sono importanti per la qualità della vita istituzionale di quel Paese (Quality of institutions: Does intelligence matter?, Intelligence 2014, 42: 44-52.) 

La cura e la prevenzione della corruzione, se vuole davvero metterle in atto, richiedono di agire sulla formazione della psicologia cognitiva e morale individuale nelle fasi giovanili di maturazione e stabilizzazione delle capacità decisionali.»

In un passaggio molto famoso di un discorso del 1950, Piero Calamandrei dava alla scuola un ruolo di tipo costituzionale, come il Parlamento o il Presidente della Repubblica. Infatti, il suo compito non è tanto quello di sfornare diplomati, quanto quello di formare cittadini. Cittadini che vanno a votare, che si fanno votare, che determinano la moralità del popolo cui appartengono: «La scuola, come la vedo io, è un organo “costituzionale” […], un organo vitale della democrazia così come noi la concepiamo. Se si dovesse fare un paragone tra l’organismo costituzionale e l’organismo umano, si dovrebbe dire che la scuola corrisponde a quegli organi che nell’organismo umano hanno la funzione di creare il sangue […].»


AREA DOWNLOAD

ALTRI MATERIALI di approfondimento prodotti dal mio gruppo di lavoro

Download
1-Cosa intendiamo per corruzione.pdf
Documento Adobe Acrobat 32.0 KB
Download
2- Possibili reati pubblico ufficiale.pd
Documento Adobe Acrobat 40.1 KB
Download
3- Possibili reati privato.pdf
Documento Adobe Acrobat 34.0 KB
Download
4 Codice di comportamento.pdf
Documento Adobe Acrobat 30.3 KB
Download
5- Alcuni dati.pdf
Documento Adobe Acrobat 369.7 KB
Download
6- Piano triennale di prevenzione della
Documento Adobe Acrobat 33.0 KB
Download
7 Aspetti etici e di salute legati alla
Documento Adobe Acrobat 39.2 KB
Download
8- Whistleblowing.pdf
Documento Adobe Acrobat 30.9 KB
Download
9- in sintesi, cosa dobbiamo fare.pdf
Documento Adobe Acrobat 63.6 KB
Download
10- Responsabilità e sanzioni.pdf
Documento Adobe Acrobat 49.0 KB

APPROFONDIMENTI E RIFERIMENTI

Download
Legge anticorruzione 190 2012.pdf
Documento Adobe Acrobat 180.1 KB
Download
Cod Penale Libro II Tit II - delitti con
Documento Adobe Acrobat 73.7 KB
Download
Letture approfondimento prevenz corruzio
Documento Adobe Acrobat 46.5 KB
Download
UE Relaz 3 feb 14 - ITALIA.pdf
Documento Adobe Acrobat 536.5 KB
Download
DIP FUNZ PUBBL Relaz 2013 14.pdf
Documento Adobe Acrobat 170.9 KB

LINK utili